Il Collegato Fiscale alla legge di Bilancio 2018 È LEGGE

Principali novità di carattere fiscale che sono contenute nel decreto legge 148/2017.

Sterilizzazione incremento aliquote IVA per l’anno 2018
E’ prevista la parziale sterilizzazione degli aumenti delle aliquote IVA per l’anno 2018, mediante un minore incremento dell’aliquota ridotta del 10% che passa all’11,14% anziché all’11,5% come già previsto dal comma 718, della legge di stabilità 2015.
Definizione agevolata dei carichi fiscali
Sono riaperti i termini per la definizione agevolata dei carichi fiscali pendenti introdotta nel 2016.
E’ consentita la rimessione in termini dei soggetti che, pur avendo aderito alla precedente edizione della definizione agevolata dei ruoli, non hanno provveduto al versamento delle prime due rate, rispettivamente in scadenza nei mesi di luglio e settembre 2017. Questi soggetti devono effettuare il versamento delle rate non pagate entro il 7 dicembre 2017, data entro la quale sono tenuti anche al versamento della terza rata del 2017, in scadenza il 30 novembre.Disposizioni relative alla trasmissione dei dati delle fatture emesse e ricevute
E’ prevista la disapplicazione delle sanzioni nei confronti dei soggetti passivi IVA per l’errata trasmissione dei dati delle fatture emesse e ricevute per il primo semestre 2017, a condizione che le comunicazioni siano effettuate correttamente entro il 28 febbraio 2018.
E’ introdotta la facoltà dei contribuenti di effettuare la trasmissione dei dati con cadenza semestrale.Estensione split payment a tutte le società controllate dalla P.A.
E’ esteso ulteriormente, dal 1° gennaio 2018, il meccanismo della scissione dei pagamenti dell’IVA sull’acquisto di beni e servizi (cosiddetto split payment), attualmente previsto per tutte le amministrazioni dello Stato e gli enti e le società controllate dallo Stato.
Per effetto dell’estensione, vi rientrano gli enti pubblici economici nazionali, regionali e locali, le aziende sanitarie, le università, le fondazioni partecipate da amministrazioni pubbliche, le società controllate direttamente o indirettamente da qualsiasi tipo di amministrazione pubblica e quelle partecipate per una quota non inferiore al 70% da qualsiasi amministrazione pubblica o società assoggettata allo split payment.

Incentivi fiscali agli investimenti pubblicitari e in materia di audiovisivo
Per effetto delle modifiche introdotte in sede parlamentare si interviene sulla disciplina del credito di imposta per investimenti pubblicitari incrementali sulla stampa quotidiana e periodica e sulle emittenti televisive e radiofoniche locali ed anche a fronte di investimenti effettuati sulla stampa on line.

Decorrenza di disposizioni fiscali contenute nel codice del terzo settore
E’ prorogata la deducibilità dal reddito del 10 per cento delle liberalità in denaro erogate in favore di ONLUS e associazioni di promozione sociale fino al periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2017, in vista dell’entrata in vigore della nuova disciplina introdotta dal Codice del Terzo settore.

Detraibilità degli alimenti a fini medici speciali
Nel novero delle spese sanitarie detraibili dall’IRPEF rientrano anche quelle sostenute per l’acquisto di alimenti a fini medici speciali.

Estensione della firma digitale
E’ estesa la facoltà di utilizzo della firma digitale alla sottoscrizione di determinati atti di natura fiscale concernenti le imprese con riferimento alle seguenti tipologie di atti:

  • gli atti di natura fiscale delle imprese familiari (art. 230-bis del codice civile);
  • gli atti di trasformazione delle società (art. 2498 del codice civile);
  • gli atti di scissione delle società (art. 2506 del codice civile);
  • i contratti che hanno per oggetto il trasferimento della proprietà o il godimento delle imprese soggette a registrazione (art. 2556 del codice civile).

Equo compenso per tutti i professionisti
Il collegato fiscale 2018 prevede l’estensione ai liberi professionisti di tutte le categorie, ordinistiche e non, del cosiddetto “equo compenso”, cioè del diritto ad un riconoscimento economico “proporzionato” alle prestazioni e al lavoro svolto nei rapporti con clienti diversi dai consumatori ovvero con i clienti importantanti, come banche e assicurazioni.

Seguiteci anche su Facebook: